Login   ||      ||   sabato 15 dicembre 2018

Vie condivise d'arte, storia e tradizioni sul fronte italo-svizzero
FESR - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale - Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Svizzera 2007/2013

Le vie della memoria

Itinerari turistici di tipo artistico-culturale
per la riscoperta e la valorizzazione del patrimonio di scultura all'aperto,
con visite guidate, spettacoli e concerti ambientati nei siti di interesse e pubblicazioni di guide tematiche.
Collegamento con la Route Europea dei Cimiteri significativi approvata dal Consiglio d'Europa nel 2010.

 

La scultura all’aperto, memoria pubblica e indelebile nel paesaggio

 

Le vie della memoria completano, insieme alle Vie dell’acqua e alle Vie dei monti, il trittico di proposte di itinerari per il turismo culturale che ispirano il progetto e saranno dedicate ad un unico tema che è quello della riscoperta e valorizzazione della scultura all’aperto.
Attraverso le proposte del sentiero si vuole riscoprire e documentare i manufatti ad alto valore simbolico in pietra, marmo, bronzo e legno che sono segni tangibili e duraturi lasciati dalla storia dell’arte nei contesti lacustri e montani del confine italo-svizzero, per valorizzarne le comuni identità.

Nell’ambito della scultura all’aperto, le Vie della memoria propongono due percorsi per le due annualità del progetto che, correlati ad una progettualità già oggetto di ricerca e di programmi di intervento, intendono avere una continuità negli anni futuri.

1

PERCORSO 1: SCULTURA NEI CIMITERI
la Route europea dei cimiteri significativi e il patrimonio d’arte, storia e tradizioni racchiuso nei cimiteri cittadini e montani dei territori
Nel 2010 è stata approvata dal Consiglio d’Europa la “Route europea dei cimiteri significativi” che vuole promuovere turisticamente il patrimonio di arte, cultura, tradizioni e storia conservato nei cimiteri europei . L’Associazione Amici dei Musei del territorio lecchese, che da anni conduce una battaglia per la salvaguardia del patrimonio cimiteriale di Lecco, ha documentato questo patrimonio con ricerche e pubblicazioni ed ha partecipato al progetto proposto dall’ASCE (Association of Significant Cemeteries in Europe); grazie a questo lavoro Lecco è oggi una delle 49 città europee incluse nel percorso approvato dal Consiglio d’Europa con il Cimitero Monumentale e il Cimitero paesaggistico di Laorca (Lecco).
Nell’ambito di questo progetto europeo il Comune di Lecco e l’Associazione Amici dei Musei intendono promuovere la conoscenza e la tutela della scultura cimiteriale:

  • individuando e documentando percorsi storici, artistici, antropologici nei cimiteri di Lecco e dei comuni della Provincia (Malgrate);
  • creando eventi nei cimiteri della città, allargati anche al territorio delle Province di Lecco, Sondrio, Bergamo, Como e del Canton Ticino, che condividono una solida tradizione di scultura monumentale.

L’obiettivo principale è quello di costruire una rete che colleghi le opere degli scultori italiani e ticinesi sparse nelle piazze, nei cimiteri, sui sentieri di montagna o raccolte nei musei , allo scopo di documentare come la scultura legata alla memoria privata nei cimiteri sia parte integrante della produzione artistica scultorea nata per il decoro, l’arredo e la memoria negli spazi pubblici.

2

PERCORSO 2: SCULTURA NELLE PIAZZE, NELLE VIE, LUNGO I SENTIERI
monumenti commemorativi, cippi, lapidi, cappelle.
L’Associazione Amici dei Musei del territorio lecchese ha pubblicato, nel 2005, La guida al Cimitero Monumentale di Lecco e nel 2009 la ricerca Scultura all’aperto a Lecco e provincia (Tiziana Rota, Lecco 2009) che documenta per la prima volta il patrimonio scultoreo presente nelle piazze, nei giardini e nei cimiteri di Lecco e provincia, perché venga conosciuto e quindi tutelato.
Le schede dei singoli scultori, dai neoclassici ai contemporanei, le aree tematiche legate all’iconografia, le simbologie espresse nelle arti decorative e le storie di quattro sculture ricostruiscono lo sviluppo storico artistico della scultura nel Lecchese. Aspetti specifici di tale patrimonio scultoreo saranno approfonditi con ricerche ulteriori, eventi, pubblicazioni che permettano di cogliere appieno i legami del territorio con il contesto nazionale e internazionale.

Sviluppi ed obiettivi futuri del progetto sono i seguenti:

  • ricostruire percorsi tematici (La scultura risorgimentale, gli uomini illustri, i monumenti ai caduti, i cippi della guerra partigiana );
  • seguire il percorso degli autori in un territorio più vasto, scoprire percorsi paralleli o modelli oltre confine;
  • effettuare visite guidate;
  • produrre documentazione dei percorsi con brochure, mostre fotografiche, prodotti virtuali online, pubblicazione di profili d’artisti.

Per conoscere nei dettagli le iniziative in programma
visita il sito www.amicideimusei-mikrokosmos.it

 

 

 

 

 

Per le clip audio e video è necessario
Adobe Flash Player
disponibile gratuitamente qui

Per i testi in formato PDF è necessario
Adobe Acrobat Reader
disponibile gratuitamente qui


CAI
Sezione di Lecco
Riccardo Cassin

Comune Malgrate

Musica nel Mendrisiotto


   Sito realizzato da Lorenzo Mondin   

 
Informazioni sui cookies
Blocco dei cookies

Copyright (c) Lorenzo Mondin    ||   Wizard   ||   Condizioni d'Uso