Login   ||      ||   sabato 15 dicembre 2018

Vie condivise d'arte, storia e tradizioni sul fronte italo-svizzero
FESR - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale - Programma di cooperazione transfrontaliera Italia Svizzera 2007/2013

Il progetto

 

PROGRAMMA OPERATIVO
DI COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA
ITALIA SVIZZERA 2007/2013

 

CONFINI D’INCONTRO
Vie condivise d’arte, storia e tradizioni sul fronte italosvizzero

 

è un progetto in rete di itinerari di turismo culturale per lo sviluppo e la valorizzazione del territorio e si articola in tre vie:

Il progetto vede la cooperazione di 8 enti: per la parte italiana l’associazione di musica e cultura Mikrokosmos di Lecco, l’associazione Amici dei musei del territorio lecchese, il CAI sezione di Lecco e ilComune di Malgrate; per la parte svizzera l’associazione Musica nel Mendrisiotto e l’associazione Musica in Chiesa di Lugano; soggetti coinvolti inoltre nel progetto la Provincia di Lecco e il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto.

Confini d’incontro nasce dal desiderio di consolidare una rete attiva già da anni sia in territorio italiano che in ambito svizzero, valorizzando le competenze e le capacità di sinergia degli enti allo scopo di promuovere un rilancio del territorio a fini soprattutto turistici; il progetto, infatti, nasce in terre molto ricche di storia, beni artistici e naturali.

I soggetti che partecipano al progetto sono da sempre impegnati per la riscoperta e la salvaguardia dei beni storici e artistici e grazie ad essi sono stati conseguiti ultimamente risultati di grande prestigio, come ad esempio è avvenuto per l’associazione Amici dei Musei del territorio lecchese che, aprendosi ad un confronto culturale di ampio respiro, ha portato la città di Lecco ad essere inserita nella Route Europea dei Cimiteri Significativi, approvata dall’Unione Europea nel 2010.

La sezione CAI di Lecco è poi tra le più attive a livello nazionale e si pone spesso in primo piano nella promozione di iniziative legate alla storia locale e ai suoi personaggi più significativi; nel 2013 saranno previste importanti manifestazioni in occasione dei 150 anni dalla fondazione del CAI nazionale.

Così come l’associazione Mikrokosmos e le associazioni svizzere Musica nel Mendrisiotto e Musica in Chiesa di Lugano da molti anni lavorano all’interno di un circuito musicale di livello internazionale, prestando sempre anche un occhio di riguardo alla promozione della conoscenza e alla tutela dei siti artistici locali.

Tutte queste pregresse esperienze e questi stimoli vanno a confluire nelle attività programmate in Confini d’incontro, dove le tre vie sviluppano autonomamente, ma in sinergia tra loro, iniziative capaci di tracciare una linea di continuità tra il territorio italiano e quello svizzero.

Per il biennio 2012/2013 di questo progetto le Vie dell’acqua svilupperanno il tema della valorizzazione dei siti artistici dei laghi di Como e di Lugano; le Vie dei monti si dedicheranno alla figura di Antonio Stoppani, geologo, filosofo, naturalista tra i primi e più autorevoli fondatori del CAI; le Vie della memoria infine costruiranno i propri percorsi sulla riscoperta della scultura all’aperto, memoria pubblica e indelebile nel paesaggio.

Gli obiettivi che il progetto si prefigge sono i seguenti:

  • valorizzare le ricchezze storico-artistiche-ambientali dei territori, grazie a una programmazione ciclica di eventi di qualità condivisa da tutti i soggetti;
  • promuovere il turismo culturale come insostituibile risorsa e occasione importante di crescita e sviluppo per i territori;
  • promuovere e incoraggiare nei cittadini una conoscenza più approfondita della storia locale e una frequentazione più consapevole dei propri territori;
  • promuovere la circuitazione delle iniziative per potenziarne il raggio d'azione e la capacità di incidere sulla qualità della vita;
  • attuare uno scambio e una cooperazione tra gli enti coinvolti, valorizzandone le risorse umane e professionali;
  • incentivare la cooperazione e il confronto come metodi di lavoro per l'offerta di servizi di qualità;
  • creare opportunità di lavoro per le figure professionali operanti nei vari campi dell'arte, della ricerca storica e naturalistica;
  • valorizzare gli artisti locali e le loro opere;promuovere anche e soprattutto tra i giovani la conoscenza e il rispetto per gli ambienti naturali del proprio territorio;
  • incoraggiare la pratica e l'ascolto della musica quale importante esperienza di crescita umana.

Per le clip audio e video è necessario
Adobe Flash Player
disponibile gratuitamente qui

Per i testi in formato PDF è necessario
Adobe Acrobat Reader
disponibile gratuitamente qui


CAI
Sezione di Lecco
Riccardo Cassin

Comune Malgrate

Musica nel Mendrisiotto


   Sito realizzato da Lorenzo Mondin   

 
Informazioni sui cookies
Blocco dei cookies

Copyright (c) Lorenzo Mondin    ||   Wizard   ||   Condizioni d'Uso